italiano italiano english english
titolo: la montagna per tutti
Terminologia || Nodi || Corso Roccia ||

Ricerca nel sito:


 

PARLIAMO DI:
CORSI:







CORSO DI ROCCIA
Discesa in corda doppia

La nostra via è terminata: non ci resta che goderci un pò il panorama, una foto di vetta, mangiare qualche cosa e prepararci per tornare alla base.
Già, ma non sempre c'è il sentiero che ci riporta a valle. E allora?
In questo caso, sicuramente, ci sono delle soste attrezzate anche per calarsi con la corda.

Le manovre da eseguire sono semplici ma sempre delicate: la minima distrazione può essere fatale. Ma eseguita con la giusta attenzione, la corda doppia, permette di superare agevolmente in discesa qualsiasi tratto che in salita sarebbe impercorribile.

Procediamo con ordine e vediamo i vari passaggi:
  1. Siamo sull'ultima sosta e ben assicurati: legati alla sosta in modo da non tenere impegnata la corda in alcun modo (con un cordino od una fettuccia). Per prima cosa garantiamoci che la corda non possa cadere in basso: se la perdiamo non abbiamo più alcun modo per scendere!
  2. si utilizza l'anello della sosta per far passare dentro un capo della corda; la si fa scorrere sino a giungere alla sua metà. Se invece utilizziamo due corde, si infila l'anello dello sosta con una delle due corde, il capo di questa deve essere collegato alla seconda corda con un nodo semplice (detto nodo galleggiante: per l'esecuzione vai alla lezione dei nodi);
    Nel caso di discesa con due corde, è preferibile lasciare il nodo di unione verso la parete: al momento del recupero eviteremo di "strozzare" il ramo sottostante.
  3. ora è necessario raccogliere gli estremi della (o delle) corda, facendo degli anelli di avvolgimento, e si lanciano le corde nella direzione di discesa (verso la sosta sottostante nel caso di più tiri, o comunque verso la base della parete). Al momento del lancio, gridare sempre "CORDA": se un'altra cordata fosse sotto di voi, potrebbe pagarne le conseguenze!
    Nel caso utilizzassimo due corde, collegate con il nodo, facciamo molta attenzione a quale capo bisognerà recuperare una volta terminata la discesa: tirando il capo sbagliato il nodo si incastrerebbe dentro l'anello della sosta e sarebbe impossibile recuperare le corde.


In genere, le calate già attrezzate, sono costituite da vere e proprie catene con un grosso anello all'interno del quale quale vengono fatte passare le corde per la discesa.

Nel caso raffigurato nella foto si tratta, invece, di una calata costituita da doppio cordino con un moschettone a maglia rapida.

In ogni caso è importante che la metà della corda sia posta sul moschettone della calata per poter sfruttare tutta la lunghezza della corda (questo problema non si presenta nel caso usassimo due corde, di pari lunghezza, unite tra loro).

La corda è quindi sistemata per l'allestimento della doppia. Per ricordarci che ogni passaggio deve essere eseguito con molta attenzione, tranquillità e con un certo ordine, vediamoli singolarmente:
  • Assicurarsi
  • Il discensore
  • Calarsi





www.montagnapertutti.it by carlogozzi©2006-08
politica della privacy

Valid HTML 4.01 Transitional CSS Valido!